LA PESISTICA OLIMPICA PER LA PREPARAZIONE DEL CALCIATORE

  • L'utilizzo degli esercizi di pesistica olimpica per la preparazione del calciatore

    L'utilizzo degli esercizi di pesistica olimpica per la preparazione del calciatore

  • E’ ormai certo che nella preparazione atletica di una squadra di calcio si debba necessariamente stabilire un giusto rapporto tra allenamenti per il miglioramento delle capacità “metaboliche” ed allenamenti volti allo sviluppo di qualità “neuromuscolari”.

    A tal proposito vorrei porre l’accento su alcune esercitazioni per il miglioramento della capacità di forza e più precisamente per l’incremento della potenza muscolare. Scarsamente conosciute in passato da molti queste tecniche di utilizzo dei sovraccarichi stanno oramai prendendo piede nelle programmazioni degli allenamenti di molti sport. Infatti è soprattutto nei giochi sportivi come pallavolo, basket, calcio, rugby o anche negli sport come pattinaggio su ghiaccio dove la potenza muscolare è fondamentale, che gli esercizi di pesistica hanno permesso sensibili miglioramenti della performance di molti atleti. Questa non è affatto una coincidenza poiché, se eseguiti correttamente, questi esercizi possono sicuramente costituire un mezzo eccezionale per lo sviluppo della forza esplosiva, qualità importantissima nei giochi sportivi. Inoltre, con le dovute precauzioni del caso potrebbero essere introdotti già nei settori giovanili per gettare le basi di successivi lavori per incrementare forza e velocità.

    E’ sottinteso che non sono questi gli allenamenti che fanno il “campione” ma sicuramente fanno si che l’atleta possa disporre in modo totale delle proprie qualità neuromuscolari. Infatti, personalmente credo che sia utile possedere buoni livelli di forza sia per subire meno le fatiche di una prestazione sia per incrementare la capacità di modulare le tensioni muscolari e quindi di saper utilizzare con estrema precisione il proprio “patrimonio muscolare”.

    Gli esercizi di “weigthlifting” sono qualitativamente superiori per i seguenti motivi:

    • Si generano produzioni meccaniche di potenza molto superiori rispetto a qualsiasi altro esercizio poiché il peso (spesso consistente) deve essere accelerato e sollevato in modo esplosivo;
    • In questi esercizi la forza viene applicata verso il suolo e questo avviene in tutte le azioni di un calciatore;
    • Evidenziano correlazioni nettamente superiori superiore in tutti i test di abilità atletica utilizzati. (Wilson G.J. et al., 1993);
    • Coniugano all’esercizio di forza esplosiva, capacità coordinative e sincronizzazione inter ed intramuscolare;
    • Determinano, in alcuni casi, sensibili perturbazioni ormonali (testosterone endogeno) dato il massiccio coinvolgimento di distretti muscolari (arti inferiori, muscolatura del dorso, deltoidi ecc.) unito alla rapidità di esecuzione (Bosco C. et al., 1996);
    • Presentano una moltitudine di varianti propedeutiche e specifiche per ogni obiettivo (tirata; strappo; spinte ecc.);
    • E’ inoltre indubbio che gli esercizi con il bilanciere libero siano da preferire agli esercizi effettuati con le macchine (multipower e/o presse che dir si voglia). Tutto ciò perché la macchina obbliga l’atleta a dei movimenti lineari forzati, non permettendo così, un ottimale controllo propriocettivo.
COPYRIGHT ©ANDREA LOCATI 2013. ALL RIGHTS RESERVED.
WEB-SITE BY DIAMANTEA.